Rucola
Rucola
Rucola
Rucola

Rucola

 3,50

Pianta erbacea annuale, si coltiva molto bene in terreni aridi anche se necessita di irrigazioni piuttosto frequenti specialmente in estate, può raggiungere un'altezza massima di 50 cm

Tutte le piante sono in vaso 14 Ø e possono essere lasciate in vaso o piantate in terra

Densità di impianto 4/5 piante * m2

Confronta

Esaurito

Descrizione prodotto

Eruca vesicaria L.

 

Sostanze attive e Proprietà della Rucola

Parti utilizzate: Foglie.

La rucola è una pianta ricca di vitamina C ed ha proprietà antiscorbutiche, emollienti, stimola l’appetito, favorisce la digestione, risulta benefica per il fegato, combatte la presenza di gas nell’intestino, ha proprietà diuretiche. Può essere impiegata per la cura della pertosse e della bronchite e la si consiglia a chi si trova in uno stato psico-fisico di debolezza perché stimola la ripresa dell’organismo.

L’infuso di questa pianta è impiegato anche per le inalazioni contro la sinusite, la raucedine e la laringite.

Con la rucola si fanno anche lozioni per capelli grassi

 

Nutrizione Funzionale della Rucola

Viene usata per dare aroma ad insalate, frittate, formaggi, pizze, piatti di carne.

 

Storia della Rucola

La rucola, o ruchetta, è sempre stata conosciuta per le sue grandi proprietà curative.

I Romani, che ne consumavano anche i semi, le attribuivano qualità magiche e la utilizzavano nei filtri amorosi, ritenendola il più potente tra gli afrodisiaci.

Questa è stata la ragione per la quale negli orti dei conventi e delle abbazie questa pianta non era presente. Nel periodo del Rinascimento si narra infatti che alcuni monaci, dopo aver bevuto un liquore a base di ruchetta, abbandonassero il voto di castità.

La coltivazione di questa pianta era spesso effettuata nei terreni che ospitavano le statue falliche erette in onore di Priapo, dio della virilità.

Ovidio, nella Ars Amatoria, la chiamava “eruca salax” o “herba salax” cioè erba lussuriosa, sconsigliata in caso di delusioni d’amore. Columella, scrittore romano di agricoltura, sosteneva: “l’eruca eccita a Venere i mariti pigri”.

Secondo alcune dicerie dei paesi del sud, mangiata nell’età della crescita, aiuterebbe ad avere un seno più prorompente.

Informazioni aggiuntive

Famiglia

Brassicaceae

Genere

Eruca

Specie

vesicaria

Origine

Europa Centrale e Area del Mediterraneo

Clima

temperato

Esposizione

soleggiata

Epoca fioritura

Da Maggio a Ottobre

Fiori

Piccoli con 4 Petali di color giallo intenso

Foglie

Pennate più o meno profondamente incise

Portamento

Pianta erbacea che può raggingere i 20 cm di altezza

Terreno

Sabbioso, calcareo ben drenato

Principio Attivo

Vitamina C, glucosidi, enzimi, sali organici e pectine

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Rucola”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chat Whatsapp
Apri la chat